G.A.L. Sibilla al via i contributi a fondo perduto a sostegno di attività imprenditoriali extra-agricole

Print Friendly, PDF & Email

G.A.L. Sibilla al via i contributi a fondo perduto a sostegno di attività imprenditoriali extra-agricole 

Si tratta di finanziamenti messi a bando tramite il G.A.L. Sibilla dalla Regione Marche: l’obiettivo specifico della Misura 19.2.6.2.(A) è aumentare la competitività del sistema produttivo locale, favorendo l'adesione ai Progetti Integrati Locali (PIL) da parte di persone fisiche (singole o associate) che si impegnano ad esercitare l’attività di impresa in aree rurali.

L’ambito di intervento è quello di operatività del GAL Sibilla, costituito dai territori dei Comuni di: Appignano, Belforte del Chienti, Bolognola, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Colmurano, Corridonia, Esanatoglia, Fiastra, Fiuminata, Gagliole, Gualdo, Loro Piceno, Mogliano, Montecassiano, Monte Cavallo, Montefano, Monte San Martino, Muccia, Penna San Giovanni, Petriolo, Pieve Torina, Pioraco, Pollenza, Ripe San Ginesio, San Ginesio, San Severino Marche, Sant'Angelo in Pontano, Sarnano, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti, Tolentino, Treia, Urbisaglia, Ussita, Valfornace, Visso.

Soggetti beneficiari: persone fisiche (singole o associate)

Il bando è rivolto esclusivamente a persone fisiche (singole o associate) che si impegnano ad avviare una nuova microimpresa o piccola impresa per svolgere attività extra agricole nei settori individuati dal bando per almeno 5 anni dalla data di avvio dell'impresa.

Interventi ammissibili a contributo

Sono ammissibili a contributo tutta una serie di investimenti materiali e immateriali finalizzate al miglioramento delle qualità della vita della popolazione rurale, in maniera sintetica si elencano alcune attività ammesse a sostegno:

  • Attività di gestione, guida e informazioni finalizzati alla fruizione di musei, beni culturali, teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche in grado di garantire l’apertura dei beni e fornire informazioni e attività didattico formative.

  • Attività di digitalizzazione e informatizzazione di beni culturali e paesaggistici per una migliore fruizione e valorizzazione.
  • Attività di servizi per il turismo rurale quali i servizi di guida e accompagnamento nella visita turistica di beni paesaggistici, riserve parchi e altri elementi naturali, comprese attività didattico educative.
  • Attività di servizi noleggio di piccole imbarcazioni, noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative.
  • Attività di sistemi e itinerari turistici e culturali; comunicazione e promozione turistica dei beni culturali e ambientali; uso di tecnologie digitali e informatiche per la valorizzazione e promozione dei beni culturali e ambientali
  • Prestazione di servizi alla popolazione rurale. Sono ammissibili servizi sociali e socioassistenziali, servizi educativi per l’infanzia, servizi educativi e ricreativi per il tempo libero, servizi per il tempo libero (fitness, welness). Artigianato delle produzioni artistiche, tradizionali e tipiche.

Entità dell'agevolazione

Il bando prevede la concessione di un contributo in conto capitale di tipo forfettario.

L’importo del sostegno è diversificato in base alla situazione socio economica delle aree in cui avviene l’avvio della nuova attività, in particolare le aree a più elevato livello di ruralità D e C3 presentano le maggiori criticità, pertanto in tali aree viene concesso un aiuto più elevato: 30.000,00 euro per le imprese di nuova costituzione ubicate in aree D e C3; 25.000,00 euro per le imprese di nuova costituzione ubicate nelle altre zone. L'aiuto è erogato in due rate nell'arco di 3 anni.

L’aiuto è erogato in due rate nell’arco di tre anni. Per le imprese di nuova costituzione ricadenti nelle aree del cratere sismico l’importo del sostegno è diversificato con la stessa logica di cui sopra e pari a: 40.000,00 euro per le imprese di nuova costituzione ubicate in aree D e C3; 35.000,00 euro per le imprese di nuova costituzione ubicate nelle altre zone. L’aiuto è erogato in due rate nell’arco di tre anni.

Scadenza dei termini

La domanda di sostegno può essere presentata a partire dal 11 marzo 2019 e fino al 30 aprile 2019 ore 13.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php