Conservazione Archivi - Restauro e Conservazione

A confine tra la Langa astigiana ed albese il piccolo comune di Loazzolo

Loazzolo che oggi conta circa 350 abitanti era in epoca medievale un borgo isolato e selvaggio che con il tempo gli abitanti hanno trasformato

Leggi il seguito

Il ruolo del giardino storico nel paesaggio italiano

Il ruolo del giardino storico nel paesaggio italiano Il giardino è decisamente la forma artistica più antica nella sistemazione dello

Leggi il seguito

Le abitazioni storiche sul Lago d’Orta: l’uso di “piode” o “beole” per tetti e facciate

Come in Liguria è diffuso l'uso dell'ardesia, sul Lago d'Orta, in provincia di Novara, è piuttosto diffuso l'uso della pietra sotto forma di piode o beole per le coperture e le facciate, lavorate in lastre ricavate da blocchi di gneiss poi trasformate mediante martellatura e scalpellatura.

Leggi il seguito

Contributi per il recupero degli elementi tipici del paesaggio e del patrimonio architettonico rurale del GAL Borba

E' online da alcuni mesi il bando del Gal Borba a valere sulla misura 7.6.4 per la “Valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico” degli insediamenti rurali di questo esteso territorio a cavallo tra la provincia di Alessandria ed Asti.

Leggi il seguito

Nel Monferrato casalese il borgo storico di Camino

Nel Monferrato Casalese, uno dei cuori artistici, naturali ed economici del Piemonte, si trova il borgo storico di Camino le cui origini sono piuttosto antiche è infatti documentato che i primi insediamenti sul territorio risalgono ai Romani.

Leggi il seguito

La storia ricca di tradizione del Comune di Morbello nell’alessandrino

Il Comune di Morbello in provincia di Alessandria è caratterizzato da un territorio collinare formato da boschi di castagni, querce e dalla presenza di svariati ruscelli, il comune è piuttosto noto anche per la produzione vitivinicola riconducibile alla produzione di Dolcetto d’Acqui, Brachetto, Barbera del Monferrato e Moscato.

Leggi il seguito

Belforte Monferrato borgo dell’Appennino ligure ovadese

Belforte deve la sua origine al monastero dei benedettini fondato da San Colombano tra le Valli Stura e Piota, gli stessi monaci insegnarono alla popolazione autoctona vari tipi di coltivazioni tra le quali quella della vite.

Leggi il seguito
css.php