#Sismabonus occorre chiarire le competenze professionali dei tecnici coinvolti

Print Friendly, PDF & Email

“Migliorare la sicurezza statica o adeguare alla normativa vigente gli edifici esistenti in zona sismica richiede  necessariamente valutazioni complesse sulle strutture e sulla loro risposta alle azioni sismiche, valutazioni che –  solo chi possiede adeguate competenze e professionalità, come architetti ed ingegneri –  può effettuare”.

Secondo il Presidente del CNAPPC, Giuseppe Cappochin “saranno i cittadini delle regioni colpite dal sisma a pagare le conseguenze delle modifiche apportate al Sismabonus. La scomparsa del riferimento ai titoli di studio in ingegneria o architettura necessari per esercitare queste prestazioni e di una chiara definizione delle professionalità deputate a volgerle, lasciano spazio ad una generica estensione di competenze molto poco chiara e che causerà sicuramente controversie e contenziosi  che saranno di intralcio alle attività di ricostruzione”. “Stupisce – continua Cappochin – come non si tenga in alcun conto del “principio regolatore” che deve sempre sovrintendere all’esercizio delle competenze dei vari Ordini professionali e che, in ambito sismico, come si legge nel Parere del Consiglio di Stato 2539/2015, viene ribadito essere ispirato al pubblico e preminente interesse rivolto alla tutela della pubblica incolumità’”.

Per queste ragioni gli Architetti chiedono di “varare una nuova e specifica normativa, precisando quali attività relative al Sisimabonus rientrino nelle competenze delle rispettive categorie professionali per non lasciare adito a fraintendimenti e dare spazio a dubbi interpretativi”.
“Sia chiaro che questa posizione non è espressione di una chiusura corporativa, ma è una diretta assunzione di responsabilità nei confronti  dei cittadini colpiti dal terremoto –  che guardano alla ricostruzione come  ad un fondamentale momento di ripartenza –  e un preciso dovere di tutela dell’ interesse pubblico” ha concluso il Presidente degli architetti italiani.

[Articolo estratto da www.edilportale.com]

 

Un pensiero su “#Sismabonus occorre chiarire le competenze professionali dei tecnici coinvolti

  • 29 Aprile 2017 in 10:05 AM
    Permalink

    Mi sembra molto semplice: i tecnici abilitati alla progettazione strutturale (architetti e ingegneri) possono firmare perizie strutturali, schede Aedes e interventi di miglioramento sismico, gli altri (geometri e periti edili) no.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.