Nella Valle dell’Erro tra i boschi di castagno il piccolo Comune di Malvicino

Print Friendly, PDF & Email

Tra i 58 comuni del Gal Borba quello di Malvicino è certamente il meno abitato della provincia di Alessandria con sole 80 persone e un numero di famiglie pari a 49.

Ubicato nella valle dell’Erro è circondato da boschi di castagno ricchi di selvaggina come fagiani, caprioli e cinghiali e si trova a confine con i comuni di Cartosio, Montechiaro d'Acqui, Pareto, Ponzone e Spigno Monferrato.

Dagli archivi storici emerge per la prima volta il nome del feudo nel 1178 nell’ambito della citazione della parrocchiale di San Michele in uno scritto del Papa Alessandro III nel quale si conferma al Monastero di San Quintino di Spigno il possesso della suddetta chiesa ancora esistente.

Non si hanno documentazioni precise sulla storia di Malvicino prima del 1484 data in cui il borgo gravitava nel feudo di Montechiaro.

Nel XV secolo si staccò dall’egemonia di Montechiaro per passare a feudo della famiglia del Carretto fino al 1579 quando, a causa dell’estinzione della suddetta famiglia passò agli Asinari di San Marzano.

A partire dal XVI secolo Malvicino diventa luogo di banditi, come si legge nelle carte di vari archivi milanesi e sabaudi essendo attraversato da una delle strade franche più frequentate esente da dazi doganali.Successivamente nel XVII secolo il borgo divenne dominio degli Invrea finché nel 1729 assieme a tutto il Marchesato di Spigno passò ai Savoia.

Principali emergenze artistico architettoniche da visitare

La Chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo situata nel centro del paese con facciata in pietra a vista se ne hanno notizie dal 1577; sulla strada per Montechiaro d'Acqui in una radura si trova l'antichissima Chiesetta romanica di San Michele.

L'Oratorio dei Disciplinati di Sant'Antonio è il più antico luogo di culto costruito in epoca tardo medioevale e annesso al nuovo borgo di Malvicino, sorto a monte rispetto al primitivo insediamento della Pieve di San Michele e forse legato ad un nucleo fortificato.

E per ultima da citare la Chiesa campestre di San Rocco risalente al XVII secolo.

 


Malvicino è uno dei 58 comuni del G.A.L. Borba in provincia di Alessandria, scarica da questo portale le nuove Linee guida per la conservazione e il recupero dell'architettura rurale e il paesaggio del Gal Borba. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php