In arrivo i contributi per il recupero dei “beni culturali” inseriti nella lista UNESCO

Print Friendly, PDF & Email

Piemonte: in arrivo i contributi per il recupero dei "beni culturali" su siti UNESCO

Il bando della Regione Piemonte per la "valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO" mette a disposizione contributi per il recupero, il restauro, la ristrutturazione e la rifunzionalizzazione e valorizzazione dei "beni culturali" (come definiti all’art. 2 co. 2 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42) compresi nell’ambito territoriale dei siti UNESCO, per tali beni dovrà essere garantita la pubblica fruizione e la destinazione d’uso per un periodo di tempo di almeno 5 anni dall’ultimazione degli interventi. Le risorse economiche a disposizione sono di Euro 4.291.778,00.

Chi sono i soggetti beneficiari?

Gli Enti locali ai sensi dell’art. 2 comma 1 del D.Lgs 267/2000 s.m.i.; e i Consorzi pubblici costituiti ai sensi dell’art. 115 comma 2 del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 ss.mm.ii.). Tali soggetti, sin dal momento della presentazione della domanda di contributo, devono disporre per un periodo di almeno 10 anni della proprietà o della disponibilità dei beni culturali oggetto degli interventi di valorizzazione proposti per l’ammissione a finanziamento, da comprovare tramite atto di proprietà, atto di conferimento del bene o analoga documentazione probatoria la cui adeguatezza sarà valutata dalla struttura Responsabile della gestione del presente bando.

Come partecipare al Bando?

Le domande possono essere inviate a partire dalle ore 9 del giorno 01/10/2018 e fino ad esaurimento delle risorse. Le domande dovranno essere compilate ed inviate telematicamente tramite il sistema FINDOM – Finanziamento Domande, cliccando sul seguente link.

Ciascun beneficiario deve trasmettere il file di testo in formato pdf della domanda inviata telematicamente e messo a disposizione dal sistema, a conclusione della compilazione on line, procedendo all’upload del documento (previa apposizione sul modulo di domanda della firma digitale da parte del legale rappresentante o del soggetto delegato con poteri di firma, che risulti essere una figura interna all’ente) e degli allegati e dichiarazioni necessari, come successivamente elencati. Qualora la dimensione dei singoli allegati alla domanda di finanziamento sia superiore a 5 MB, questi dovranno essere trasmessi entro 5 giorni mediante lettera raccomandata A/R al seguente indirizzo:

Direzione Competitività del Sistema regionale
Settore Sviluppo sostenibile e qualificazione del sistema produttivo
Via Andrea Pisano 6 – 10152 Torino (TO)
POR FESR 2014 -2020 Asse V – Azione V.6c.7.1 – Bando per la valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale


yes Hai bisogno di aiuto nella ricerca di contributi per la valorizzazione e il recupero del tuo "bene culturale"? Non esitare CHIAMA ORA  <<0144323990>>


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php