Come conservare elementi plastici in stucco presenti su una facciata

Print Friendly, PDF & Email

logo_pdf

DESCRIZIONE
Questo intervento riguarda tutti quei casi in cui sulla facciata di un manufatto storico sono conservati apparati decorativi plastici a rilievo che possono essere stati realizzati in gesso o in cemento con armatura metallica interna.


Materiali e tecniche operative

  1. messa in sicurezza degli apparati decorativi plastici in evidente pericolo di caduta mediante la realizzazione di stuccature salvabordo atte a favorire l’ancoraggio degli stucchi al supporto murario con malte a base di grassello di calce e inerti silicei di varia granulometria, in base allo strato da risarcire;
  2. bendaggio preventivo di tutti gli apparati decorativi in fase di stacco con garze di cotone e resina acrilica;
  3. sigillatura dei bordi in fase di caduta al fine di creare delle sacche chiuse tra il muro e la finitura, nelle quali sono state iniettate, senza dispersioni, malte in fase liquida;
  4. prima pulitura delle polveri leggere con pennelli di setola morbida e seconda pulitura generale mediante l’impiego di spugne wishab;
  5. rimozione delle stuccature e rappezzature posteriori eseguite con malte cementizie tramite azione meccanica e successiva rimozione delle ridipinture ad impacco con miscele solventi valutate in sito.
  6. rimozione efflorescenze saline per via meccanica in superficie e tramite impacchi ripetuti di polpa di cellulosa ed acqua deionizzata in profondità, previa interposizione di carta giapponese;
  7. stuccatura delle crepe e il reintegro delle porzioni mancanti degli stucchi con malte costituite da grassello di calce, calce idraulica naturale, sabbia di tipo siliceo e cocciopesto di varia granulometria, valutata di volta in volta in base allo strato da risarcire;
  8. ricostruzione degli elementi plastici mancanti con dime, anche mediante l’esecuzione di calchi in gomme siliconiche e successiva armatura di sostegno con perni in vetroresina (3,3 mm).
  9. reintegro pittorico delle decorazioni plastiche completamente dilavate e delle lacune con velature di calce spenta e pigmenti naturali additivati con resine acriliche.


Raccomandazioni
Ogni operazione deve essere graduabile (si deve poter controllare la sua intensità e la quantità di materia da rimuovere), selettiva (si deve poter scegliere cosa asportare e cosa lasciare) e, soprattutto, non dannosa per il supporto.
(a sinistra) Tassello di pulitura della patina biologica presente su uno dei mascheroni di facciata
(a destra) Particolare di uno dei mascheroni di facciata dopo gli interventi di pulitura e di integrazione delle parti di modellato mancanti

 

01. tassello di pulitura mascherone 02. integrazione mascherone

(a sinistra) Tassello di pulitura della patina biologica presente su uno dei mascheroni di facciata
(a destra) Particolare di uno dei mascheroni di facciata dopo gli interventi di pulitura e di integrazione delle parti di modellato

schede sovrapposte-250 BOTTONE schede tecniche

Compila il seguente form e descrivi il tuo problema:

ti invieremo una scheda tecnica di intervento studiata appositamente per te

    Il tuo nome (richiesto)

    Il tuo cognome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Il tuo telefono

    Elemento costruttivo di tuo interesse (richiesto)

    Oggetto

    Descrivici il tuo problema

    Dò in consenso al trattamento dei dati personali

    Non hai trovato consigli per risolvere il tuo problema? Chiedici la tua Scheda Tecnica  personalizzata compilando il form descrivendoci qual'è il tuo problema specifico e ti invieremo la scheda tecnica direttamente nella tua email.


    A. B. Caldini, Il restauro delle facciate di Palazzo Migliazzi già Polastri a Frugarolo (Al)

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    css.php