"Luoghi della Cultura 2018": San Pietro a Felizzano è tra i luoghi prescelti

“Luoghi della Cultura 2018”: San Pietro a Felizzano è tra i luoghi prescelti

Print Friendly, PDF & Email

"Luoghi della Cultura 2018": San Pietro a Felizzano è tra i luoghi prescelti

Anche per il 2018 la Compagnia di San Paolo ha concesso fondi a sostegno di iniziative volte alla valorizzazione dei luoghi della cultura presenti sul territorio piemontese, ligure e valdostano con il Bando "Luoghi della Cultura 2018".

L’obiettivo del Bando, si legge nella scheda di presentazione, è quello di " (…) contribuire al rafforzamento del ruolo che il patrimonio culturale riveste per le comunità di riferimento, riconoscendone le caratteristiche di elemento identitario per lo sviluppo del territorio e per la formazione degli individui in un contesto sociale (…)".

Gli indirizzi del progetto di valorizzazione

Le iniziative ammesse a contributo dovevano puntare alla valorizzazione del patrimonio culturale con solida coerenza progettuale e analisi del contesto di riferimento. I progetti potevano riguardare gli archivi, le biblioteche, i musei, i beni architettonici e archeologici, i parchi e giardini storici e in generale i luoghi riconosciuti e utilizzati come spazi culturali dalla comunità.
I progetti di valorizzazione potevano comprendere anche opere di restauro, riqualificazione e rifunzionalizzazione (senza eccedere il 60% dei costi complessivi del progetto) a patto che i lavori non fossero ancora iniziati e che l'intero progetto non si limitasse al "solo restauro" ma potesse avere un più ampio respiro con ripercussioni positive sul territorio.

Tra i "luoghi della cultura 2018" prescelti anche la Chiesa di San Pietro a Felizzano

Il cantiere tuttora in corso nella Chiesa di San Pietro a Felizzano, in provincia di Alessandria, è stato motivo di spunto per procedere alla redazione di un progetto di valorizzazione che tenesse anzitutto conto dell'importanza di questo edificio religioso, antica parrocchiale di Felizzano, i cui recenti restauri, finanziati dalla CEI, hanno permesso il ritrovamento di un'interessante quanto antica pavimentazione in quadrelle di cotto.

Purtroppo i lavori non sono ancora terminati e c'è ancora parecchio da fare soprattutto in considerazione del fatto che i contributi della CEI (Conferenza Episcopale Italiana) ad oggi concessi (ad oggi è stato finanziato e terminato il I lotto lavori) si limitano alle sole opere edili escludendo qualunque intervento sugli apparati decorativi di tipo artistico che di fatto sono parte integrante ed imprescindibile del bene oggetto di intervento.

Il progetto della Chiesa di San Pietro è stato scelto tra i 46 progetti ammessi a contributo (su un totale di 237 istanze presentate) a dimostrazione dell'importanza del valore di recupero che si sta portando avanti su questo significativo edificio religioso.

Una notizia davvero positiva sia per la Parrocchia dei Santi Michele e Pietro, beneficiaria del contributo ed anche committente dei numerosi lavori in corso che per l'intera comunità felizzanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php