Continua il cantiere di San Pietro a Felizzano: via al restauro delle cappelle

Print Friendly, PDF & Email

Continua il cantiere di San Pietro a Felizzano: via al restauro delle cappelle

Sono già passati 5 anni dalla fase di avvio del progetto di restauro della Chiesa di San Pietro a Felizzano i cui lavori sono ufficialmente partiti il 20 giugno del 2016 grazie al contributo di diverse fondazioni bancarie e soprattutto della CEI  nell'ambito dei contributi per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto. 

Un primo articolo dal titolo "Al via il cantiere di restauro della Chiesa di San Pietro a Felizzano: cenni artistici" è stato pubblicato l'11 giugno 2016 con un focus sullo stato di conservazione degli ambienti interni di questo importante edificio religioso, ex Chiesa parrocchiale, il cui restauro ha dato modo di riscoprirlo nella sua essenza originale. Un secondo articolo, direttamente correlato al primo e concentrato questa volta sullo stato di conservazione delle facciate esterne e sulle trasformazioni subite è stato pubblicato il 22 giugno 2016 dal titolo "Al via il cantiere di restauro della Chiesa di San Pietro a Felizzano: stato di conservazione"

Un terzo articolo del 30 ottobre 2016 denuncia già una prima grande scoperta "Quando “conservare” conta più di “restaurare”: il cantiere di San Pietro a Felizzano (Al)": infatti a seguito di alcuni saggi eseguiti sulla pavimentazione interna in cementine (della prima metà del ‘900) per testare lo stato di conservazione del materiale e la consistenza del fondo è stata rintracciata un'antica e ancora ben conservata pavimentazione in cotto estesa all'intera navata centrale e alla grande maggioranza delle cappelle laterali.

L'importante scoperta ha richiesto una variante in corso d'opera motivata dalla necessità di approfondire la conoscenza dell'importante ritrovamento e al tempo stesso valutare quali nuove procedure di restauro adottare in considerazione del ritrovamento. Tra le altre scoperte anche il ritrovamento, innestate tra le formelle in cotto, di antiche sepolture segnalizzate da coverchi in marmo e cotto. A questo argomento è stato dedicato un quarto articolo del 6 febbraio 2017 dal titolo "San Pietro a Felizzano (Al). Dal progetto di restauro alla variante".

Contestualmente ai lavori di tipo edile (tutti finanziati dalla CEI) si è dato avvio ai lavori di tipo artistico che hanno beneficiato e stanno ancora beneficiando dei contributi della CRT sui "Cantieri aperti" e della Compagnia San Paolo.

Il 21 maggio 2017 è stato quindi pubblicato un quinto articolo dal titolo "Terminato il restauro degli apparati decorativi della Chiesa di San Pietro a Felizzano (Al)" che descrive le operazioni di restauro artistico fino all'ultimazione degli apparati decorativi pittorici e plastici delle pareti e delle volte della navata centrale e del presbiterio, eseguiti a cura della Gazzana Restauri S.r.l. del Restauratore Domenico Gazzana.

Il 5 ottobre 2017 è stato pubblicato un sesto articolo dal titolo piuttosto stravagante "Il “bernardino” di Aldo Stelladoro nella Chiesa di San Pietro a Felizzano (Al)". Aldo Stelladoro è l'impresario che sta curando la parte edile dell'intervento di restauro. Il suo uso insistente della parola "bernardino" mi ha molto incuriosito e alla domanda cosa fosse mi ha ancora più incuriosito la risposta "(…) la metà del mezzo (…)". Si rendeva a questo punto  necessario un approfondimento e l'articolo approfondisce, appunto, questa curiosità.

Il 3 novembre 2017 è stato pubblicato un settimo articolo dal titolo "Continua il cantiere di restauro della Chiesa di San Pietro a Felizzano" che racconta l'avvio del cosiddetto "cantiere nel cantiere" che dopo la conclusione del I lotto lavori ha consentito di accedere a nuovi fondi CEI avviando un II lotto questa volta dedicato alle parti che in prima istanza erano state lasciate indietro per assenza di fondi: il campanile (il cui restauro allo stato attuale è in corso) e l'abside esterno (il cui restauro partirà tra qualche giorno).

Un ottavo importante articolo è stato pubblicato il 18 luglio 2018 dal titolo "Luoghi della Cultura 2018: San Pietro a Felizzano è tra i luoghi prescelti" ed è la comunicazione ufficiale dell'inserimento della Chiesa di San Pietro a Felizzano tra i luoghi prescenti della Cultura 2018 dalla Compagnia San Paolo, con la possibilità di accedere a nuovi fondi per il restauro e soprattutto di pubblicare un volume dedicato ai grandi interventi di restauro a Felizzano partendo dalla vicina pieve cimiteriale di San Rocco per giungere appunto alla sorprendente Chiesa di San Pietro.

Questo nono odierno articolo informa sul restauro in corso degli apparati decorativi pittorici e plastici delle dieci cappelle interne (a cura della Gazzana Restauri S.r.l.) che sta portando a nuove scoperte con importanti risultati sul piano artistico-architettonico ma anche storico-documentale.

Un cantiere davvero pieno di sorprese ma che certamente potrà portarne di nuove sulle quali, ovviamente, saranno pubblicati puntuali aggiornamenti…yes


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php