Sentieri, mulattiere e capezzagne

Print Friendly, PDF & Email

I paesaggi rurali (specie quelli piemontesi) sono caratterizzati dalla presenza di una suggestiva rete di percorsi situati lungo il perimetro delle aree coltivate.

Molti sentieri che si snodano  in mezzo a vigne, campi, noccioleti e boschi, sono ormai in disuso e risultano spesso impraticabili, sia perchè sostituiti da nuovi percorsi carrabili, sia per il venire meno della funzione agricola e selvicolturale, dovuta, in certe zone, all’abbandono dei territori agricoli.

I sentieri rappresentano una rete di percorsi paesaggisticamente suggestivi che, opportunamente valorizzati possono diventare un punto di forza dell’offerta turistica sostenibile del territorio.

In base alla tipologia e alla collocazione i sentieri possono essere sterrati o pavimentati con elementi in pietra reperita in loco, quando il sentiero si adatta alla circolazione di animali da soma diventa mulattiera (tipica delle regioni montagnose o ad alta concentrazione agricola).

La mulattiera è fondamentalmente un percorso in terra battuta, sterrato o roccia levigata a volte fiancheggiato o protetto da muretti realizzati a secco con pietre e sassi trovati sul luogo, o direttamente scavato nella roccia. Il suo percorso non è agevole da percorrere a piedi o con bicicletta date le pendenze e le asperità presenti.

La mulattiera, oggi sempre meno presente, serviva sia come via di collegamento a cavallo tra i vari appezzamenti terrieri che al transito del bestiame (il termine "mulattiera" deriva proprio da mulo).

Nelle zone altamente produttive, come quelle coltivate a vigneto, oltre ai sentieri è diffusa la presenza delle “capezzagne” che contribuiscono a disegnare il paesaggio dei vigneti: poste in senso ortogonale ai filari possono essere sterrate, talvolta inerbite e permettono l'accesso agli spazi tra i filari e le manovre di svolta dei mezzi agricoli e, date le loro dimensioni disegnano sul territorio, in modo netto, i confini dei vigneti. Si tratta in sostanza di superfici improduttive ma funzionali alla gestione delle colture e che hanno un elevato valore paesaggistico.

 Sentieri-Mulattiere-Capezzagne-7 Sentieri-Mulattiere-Capezzagne-8

Galleria fotografica con individuazione di alcuni suggestivi percorsi paesaggistici

Sentieri-Mulattiere-Capezzagne-20 Sia i sentieri che le capezzagne sono periodicamente soggette a operazioni di manutenzione, proprio in quanto si tratta di elementi strettamente necessari all’agevole svolgimento dell’attività agricola meccanizzata. Analoga situazione si riscontra per i sentieri inseriti in percorsi turistici che sono frequentemente utilizzati.

La valorizzazione dei circuiti turistici pedonali attraverso sentieri e capezzagne è favorita dalla presenza, lungo i percorsi, di elementi di elevata qualità paesaggistica (vigneti, punti panoramici, flora, ecc.) e di aspetti dell’ambiente naturale e antropizzato.

In funzione della collocazione del percorso si possono riconoscere diversi tipi di tracciati:

  • percorsi di crinale, posti lungo le linee di spartiacque, che sono quelli che offrono maggiori possibilità rispetto alle visuali sul paesaggio;
  • percorsi di costa che seguono tendenzialmente le curve di livello del terreno e si snodano lungo i fianchi delle colline;
  • percorsi di collegamento fra monte e valle, posti generalmente sulla parte convessa dei rilievi collinari, lontano dalle linee di compluvio dove si raccoglieva l’acqua piovana;
  • percorsi di fondovalle, lungo i corsi d’acqua.

I percorsi di costa, in particolare, come di solito tutti i tracciati incisi nel suolo, sono generalmente delimitati da scarpate naturali o da muretti in pietra a secco di controripa e sottoscarpa che definiscono, a monte e a valle, il tracciato dei percorsi.

schede sovrapposte-250 BOTTONE schede tecniche

Compila il seguente form e descrivi il tuo problema:

ti invieremo una scheda tecnica di intervento studiata appositamente per te

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo telefono

Elemento ambientale di tuo interesse (richiesto)

Oggetto

Descrivici il tuo problema

Dò in consenso al trattamento dei dati personali

Per approfondimenti:

Manuale per il recupero, la tutela e la salvaguardia del patrimonio naturale e degli elementi tipici del territorio, G.A.L. Langhe e Roero Leader

Manuale per il recupero e la valorizzazione dei patrimoni ambientali rurali, G.A.L. Valli del Canavese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php