Torri e campanili edifici ad elevata vulnerabilità sismica

Print Friendly, PDF & Email

La valutazione della vulnerabilità sismica di certi manufatti architettonici è un aspetto da non tenere in secondo piano in quanto la morfologia strutturale è una delle caratteristiche principali cui prestare la massima attenzione. Sempre più spesso nella redazione dei progetti di restauro di manufatti religiosi ci troviamo a dovere fare i conti con antiche torri o storici campanili che in molti casi sono diventati rappresentativi dell'identità del luogo.

Le torri possono essere di diverso tipo possono essere parte integrante di un manufatto architettonico più grande (la torre del castello), possono essere torri d'altura o torri d'avvistamento in molti casi possono essere state realizzate con tecnologie diverse perchè oggetto negli anni di forme di danneggiamento, di ricostruzione, di sopraelevazione o di modifica.

I campanili possono essere di diversa tipologia possono essere manufatti isolati, addossati o sovrapposti ad edifici di culto. 

Il fatto che questi manufatti siano addossati ad altre strutture è un aspetto molto significativo in quanto il contatto comporta un incremento della domanda sismica. I meccanismi di collasso più comuni tengono conto dell'architettura del manufatto, della tecnica costruttiva, del materiale impiegato, delle capacità del terreno e della struttura di fondazione (queste strutture risentono molto della deformabilità del terreno). In Piemonte le tecnologie costruttive più frequenti sono quelle in muratura realizzate con l'impiego del mattone mentre nel centro e sud d'Italia è decisamente più comune l'utilizzo della pietra. E' chiaro che la qualità del muro in mattoni dipende anzitutto della qualità del mattone, dal grado di cottura, dalla qualità e dallo spessore dei giunti di malta e, aspetto da non sottovalutare, dalla capacità dell'esecutore. La presenza sulla struttura di incatenamenti o ammorsamenti contribuisce favorevolmente sulla sicurezza del manufatto in quanto favorisce il contrasto delle spinte esercitate dalle volte. La presenza delle campane è un ulteriore aspetto da non sottovalutare in quanto la loro movimentazione agisce come forza sollecitante nei confronti della struttura, occorre in questi casi accertarsi della capacità di sostegno del telaio interno alla cella campanaria.

In fase progettuale è pertanto davvero importante la valutazione dello stato di fatto generale di queste strutture per potere progettare un intervento di rinforzo strutturale adeguato, il problema è che molto spesso queste strutture non sono pienamente accessibili oppure conservano ancora sistema di salita rudimentali privi di sicurezza.

E in questi casi cosa dobbiamo fare? Non esiste una ricetta unica, occorre fare valutazioni caso per caso garantendo in primis la sicurezza delle maestranze e successivamente consentendo l'ispezione di queste strutture mediante ponteggi in sicurezza appositamente allestiti per il sostegno strutturale.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php