Cornicioni

Print Friendly, PDF & Email

Consulenza gratuita rettangolo-1

Il raccordo tra struttura di elevazione e la copertura è frequentemente risolto con cornicioni realizzati in mattoni pieni che possono essere di tipo semplice a vista oppure essere coperti da intonaco ed arricchiti con motivi decorativi talvolta anche pittorici.

 La sporgenza dei cornicioni è solitamente limitata e il raccordo con la grondaia fa sì che questa sporga oltre il cornicione stesso.

Il cornicione può terminare con un corso di elementi in laterizio più sporgenti disposti di piatto che possono essere sorretti da piccole mensole realizzate con elementi speciali in cotto.

Quando il cornicione si presenta intonacato gli elementi di raccordo alla copertura possono essere lasciati a vista.

Quando il tavolato impiegato nel sistema di copertura sporge in maniera significativa vengono applicate al cornicione delle mensole di sostegno in legno che entrano a far parte dell’impianto decorativo del cornicione stesso.

Le decorazioni dei cornicioni, a rilievo o dipinte, sono quasi sempre simmetriche e modulari.

Molto meno frequenti, invece, i lambrecchini che ornano le linee di gronda e le parti terminali delle falde di copertura: si tratta di elementi in legno e più raramente in metallo con funzione ornamentale che vengono applicati all’orditura lignea di copertura mediante semplice inchiodatura.

I lambrecchini servono a coprire le testate degli elementi dell’orditura lignea sporgenti all’esterno, garantendo in questo modo una maggiore protezione dall’azione degli agenti atmosferici e al contempo una piacevole rifinitura delle parti terminali a vista.

40P1010100

Galleria Fotografica con individuazione principali forme di degradazione dei CORNICIONI

36_GrognardoDei problemi legati alle infiltrazioni risentono anche i cornicioni che sono le parti più a diretto contatto con i sistemi di smaltimento delle acque (grondaie e pluviali), in questi casi le forme di degrado si manifestano sotto forma di formazioni saline superficiali e conseguenti esfoliazioni dei laterizi fino a forme più gravi come la mancanza o la rottura degli elementi costruttivi.

I lambrecchini presentano, infine, le stesse forme di degrado che interessano la struttura lignea di copertura a queste vanno ad aggiungersi le frequenti rotture, sconnessioni e mancanze e, nel caso di lambrecchini realizzati in metallo, quelle legate al degrado proprio di questo materiale.

BOTTONE schede tecniche schede sovrapposte-250

Compila il seguente form e descrivi il tuo problema:

ti invieremo una scheda tecnica di intervento studiata appositamente per te

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo telefono

Elemento costruttivo di tuo interesse (richiesto)

Oggetto

Descrivici il tuo problema

Dò in consenso al trattamento dei dati personali

Prima di intervenire  è sempre doveroso accertare le possibili cause o concause alle quali ricondurre eventuali fenomeni di dissesto strutturale, valutando l'effettiva estensione del fenomeno. Chiedici un consiglio, ti possiamo suggerire quali indagini conoscitive sarebbe preferibile fare in via preliminare, individuando gli interventi compatibili con l’esistente ed escludendo quelli non compatibili con la tutela degli edifici tradizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php