E’ Procida la capitale italiana della cultura per il 2022

Print Friendly, PDF & Email

E’ Procida la capitale italiana della cultura per il 2022

Con il motto “la cultura non isola” a gennaio 2021 è stata nominata l’isola di Procida Capitale italiana per la cultura del 2022. Per la prima volta dal 2014 (anno di nascita di questa iniziativa) è stata candidata un’isola.

Davvero interessante analizzare quali fattori hanno portato la giuria ad esprimersi favorevolmente al dossier di candidatura proposto.

E’ stato anzitutto evidenziato come il contesto dei sostegni locali e regionali pubblici e privati sia ben strutturato e come la dimensione patrimoniale e paesaggistica di questo luogo sia ritenuta straordinaria.

Il progetto potrebbe determinare grazie alla combinazione di questi fattori un’autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del Paese.

Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio per tutti noi, al Paese nei mesi che ci attendono”.

Cosa ha vinto Procida?

Un milione di euro per realizzare quanto sognato e una buona occasione per stare – per un anno intero – sotto  i riflettori del turismo nazionale e non solo. Raccoglie il testimone da Parma, che, causa pandemia, terrà  in mano il titolo un anno in più del previsto.

Procida è la quinta città ad aver vinto il titolo di Capitale italiana della Cultura, dopo Mantova per il 2016, Pistoia per il 2017, Palermo per il 2018 e Parma per il 2020+21.

La competizione è nata nel 2014: allora si sceglieva la città che avrebbe concorso per il titolo di Capitale europea della Cultura 2019. Matera ebbe la meglio, ma l’impegno e la creatività che tutte e sei le finaliste dimostrarono nell’elaborare i dossier di candidatura convinsero il Governo a proclamare Capitali italiane della Cultura 2015 le altre cinque concorrenti, ossia Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena.

Da quell’occasione, nel 2014, è nata la selezione annuale per individuare, a partire dal 2016, la città meritevole del titolo di Capitale italiana della cultura.

Chi sarà la capitale del 2023?

Sappiamo già rispondere a questa domanda in quanto la Capitale italiana della Cultura 2023 è già stata scelta nel 2020.

Il titolo è stato infatti assegnato, nell’anno della pandemia, a Bergamo e Brescia: due delle città più martoriate. Che diventeranno, così, un simbolo di rinascita.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php